2 aprile 2011

SALONE DEL MOBILE | Biliani presente le sedute Doll - Anticipazioni

Nell’anno del suo centesimo anniversario l’azienda friulana Billiani, storico produttore italiano di sedie e sedute per contract, sarà presente al Salone Internazionale del Mobile con una serie di novità che combinano passato e futuro con l’elevata qualità estetica e funzionale che caratterizza il “Made in Italy” nel settore l’arredamento.
Protagonista nel mondo della sedia da esattamente un secolo, Billiani crea i suoi prodotti sulla base di un grandissimo know-how artigianale e tecnologico, di un linguaggio stilistico all’insegna dell’Italianità continuamente evoluto nel corso di un secolo e di una formidabile expertise nel campo dell’ergonomia.
Al Salone Internazionale del Mobile 2011, Billiani presenta, tra le molteplici novità con nomi suggestivi come Croissant e Tracy, un ampliamento della serie Doll, disegnata da Emilio Nanni e presentata per la prima volta nel 2010. Saranno proposti uno sgabello, la versione Doll steel con quattro gambe con e senza braccioli e Doll wood con braccioli in metallo.
In un perfetto equilibrio di funzione e design, Doll è caratterizzata dall’elevato comfort e da forme arrotondate per la seduta e lo schienale e da una struttura, con o senza braccioli, leggera ed elegante.

L’attuale serie Doll, che verrà appunto integrata con gli aggiornamenti 2011, comprende versioni in massello di faggio o con superfici laccate in un’ampia gamma di colori. Sono disponibili soluzioni con o senza bracciolo, con sedile imbottito oppure con entrambi sedile e schienale imbottiti. Le tonalità dei rivestimenti tessili o in pelle producono un elegante contrasto con il cromatismo della struttura.
Doll è anche la dimostrazione che Billiani, azienda la cui storia è radicata nella lavorazione del legno, sa guardare al futuro, a nuovi scenari creativi. Nella versione Steel, Doll si presenta con una struttura in tondino di metallo laccato o cromato per un risultato estetico ancora più leggero, fresco e giovane.

L'azienda
Fondata nel 1911, Billiani è una storica impresa italiana a conduzione familiare il cui successo si basa su semplici ma fondamentali valori e principi. Il know-how artigianale, l’attenzione per il dettaglio, la ricerca della massima qualità di materiali, esecuzioni, finiture e linguaggi stilistici sono trasmessi di generazione in generazione e sono condivisi con ogni persona che entra a far parte dell’azienda. Nel corso del tempo, Billiani si è specializzata nella produzione di sedie, sgabelli e poltroncine in legno per il settore contract, ampliando ed evolvendo continuamente la sua gamma per soddisfare le esigenze di clienti e applicazioni sempre nuove.
All’officina creativa interna, Billiani affianca firme note nel campo del design - da Marco Ferreri a Aldo Cibic, da Fabio Bortolani a Emilio Nanni, maestri come Werther Toffoloni e giovani designers internazionali come Paul Loebach e Daniel Fintzi - per sviluppare prodotti che combinano un design contemporaneo ricercato e soluzioni ergonomiche di classe mondiale livello. Eccellenti esempi della qualità internazionale del Made in Italy, i prodotti di Billiani sono distribuiti in tutto il mondo e sono impiegati nei migliori ristoranti, alberghi, uffici e in moltissimi altri ambienti pubblici di alto livello.
Sedute di Billiani fanno parte di mostre e collezioni di design di livello internazionale - dal MoMA di New York alla Triennale di Milano, da Villa Erba a Como a collezioni private - e sono state inserite nel ADI Design Index, selezionate da Red Dot Award e premiate con il Premio CATAS per l’innovazione tecnologica.

Dove
Fiera Milano/Rho

Quando
Dal 12 al 17 aprile 2011

Sito di riferimento
Ti è piaciuto l’articolo? Offrici un caffé! Sostieni Design wth love!
(È sufficiente essere iscritti a Paypal o avere una carta di credito, anche Postepay)

1 commento :

  1. Caspita è già volato un anno e torna il nuovo appuntamento del design.
    Le anticipazioni mi sembrano molto interessanti
    Happy weekend!
    ;) Fede
    fedulab.blogspot.com

    RispondiElimina

Cosa ne pensi? Hai idee migliori?