8 aprile 2011

SALONE DEL MOBILE | Nardi presenta in anteprima il nuovissimo pétit sofà Aria

Al solo guardarla riecheggiano immagini di vacanze, di elegante allegria e relax.
Aria for Nardi
E’ il nuovissimo pétit sofà ARIA, una deliziosa ampia seduta per esterni (e interni) in polipropilene con pendant di cuscini imbottiti. Perfetta armonia tra estetica ed intuizioni pragmatiche, ARIA è una seduta particolarmente impegnativa dal punto di vista produttivo sviluppata attraverso l’esperienza e l’abilità nella lavorazione del polipropilene di Nardi.
ARIA ha un’accurata struttura dogata, leggermente avvolgente, il cui ritmo di pieni e di vuoti riprende il tema delle romantiche staccionate di legno in campagna. Il gioco geometrico delle doghe, il variare della loro inclinazione e distanza, gli effetti “rilievo” delle diverse congiunzioni donano alla sedia estrema elasticità e slancio.
Il pétit sofà ARIA può essere naturalmente inserito in ambienti contract e in contesti abitativi di alto livello grazie alle sue linee accattivanti, alle finiture mat in 4 colori che rimandano al legno laccato e all’ampia gamma di imbottiti abbinabili in diverse tipologie di tessuti, colori e trame.
L’estrema robustezza, resistenza agli agenti atmosferici e facilità di pulizia lo rende utilizzabile anche per dehor di barche, piacevoli bordi piscine, contestualizzato a gruppi o anche solitario perchè oggetto che riempie silenziosamente ma con grande personalità lo spazio con la sua presenza quasi scultorea.
Aria fa parte di un progetto che prevede anche un tavolino studiato in perfetta corrispondenza con le linee stilistiche della seduta. Il tavolino ha un piano dogato completamente scatolato e chiuso per facilitarne la pulizia.
ARIA non necessita di manutenzione a fine stagione, è prodotto interamente in Italia ed è riciclabile al 100%. Testato a norma europea EN 581-1/2/3.
---
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti ai feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!
Per maggiori informazioni sui feed, clicca qui!

0 commenti :

Posta un commento

Cosa ne pensi? Hai idee migliori?