3 settembre 2011

INTERVISTA | Bexclusive Magazine, nelle scarpe italiane si percepisce l’impegno che c'è stato per crearla

Chi c'è dietro il tuo blog? Chi sei/siete?
Dietro BExCLUSIVE MAGAZINE siamo in due:
Renato D’Andrea, nato a Latina sono dipendente e responsabile amministrativo di una azienda che opera nel mondo della nautica la jolly drive marine srl.
Terminato l’orario lavorativo mi dedico al running, e la sera alterno un buon film con la mia compagna alla navigazione su internet in cerca di notizie riguardanti tutto ciò che è di attualità, moda, cinema e sport.
Karolina Gendek nata a Varsavia (Polonia) dipendente di una azienda di design di Roma è la mia compagna nella vita e anche nel blog. E’ tutto iniziato grazie a lei che appassionata di moda e tendenze mi ha fatto pensare, dopo aver visionato miriadi di blog femminili, ad un blog con il punto di vista maschile.

Da quanto tempo ti interessi di moda?
Renato: Il settore moda, è seguito prettamente da Karolina, ma l’interesse in me è nato circa 2 anni fa, mentre per lei è come una seconda pelle.
Karolina: Hahaha, si per me è come seconda pelle, ma anche il tuo armadio era bello pieno già quando ci siamo conosciuti!

Perché nelle donne c'è tutto questo amore per le scarpe?
Karolina: Perché negli uomini c’è tutto questo amore per le donne sui tacchi!
Renato: No comment.

Qual è il tuo modello preferito e perché?
Renato: Il modello preferito da me sono le scarpe con il tacco alto: slanciate eleganti e sempre con un particolare che le rende uniche e interessanti.
Il modello che invece proprio non riesco a vedere sono le ballerine! Non le sopporto e non chiedetemi perché! È un fatto naturale.
Karolina: Hahahaha, ma perché parli delle scarpe femminili? Vogliamo parlare della parte maschile: orrendo abbinamento sandali+calzino, le scarpe ortopediche spacciate per eleganti e trendy? Io adoro i maschi in mocassini o gli espadrilles.

Preferisci possedere tante paia di scarpe a un prezzo basso a discapito della qualità variando spesso oppure poche e di qualità pregiata?
Renato: Preferisco avere poche scarpe ma buone e “interessanti”.
Le scarpe si diversificano secondo me in due grandi macroclassi: quelle commerciali e quelle ricercate.
Quelle commerciali sono le scarpe che quando passeggi vedi a più della meta delle persone che incontri ma in differenti colori. Mentre quelle ricercate sono le scarpe che quando le vedi pensi “cavolo che belle! Non pensavo esistevano”
Karolina: ma io sono donna! E’ ovvio che voglio un armadio pieno pieno!

Quali sono le caratteristiche che valuti nella scelta delle scarpe?
Renato: Aspetto esteriore e comodità.
Karolina: Deve essere un amore a prima vista.

Che rapporto c'è tra scarpa e umore?
Renato: Ritengo che siano reciprocamente correlati. In base al tuo umore scegli una scarpa piuttosto che un’altra, è il tuo stato d’animo che ti fa decidere una rispetto ad un’altra, per me è importante per sentirsi al proprio agio in ogni situazione.

Hai un colore che compare più frequentemente nella tua scarpiera?
Renato: Nero, si lo so è un classico, ma come detto dipende dalle situazioni in cui mi/ci si trova.

Qual è il valore aggiunto che percepisci nelle calzature italiane?
Renato: Le scarpe italiane sono comode, si adattano bene al piede e specialmente in quelle di pelle si percepisce la qualità e l’impegno che ci è stato per crearla.

È possibile esprimere la sensualità attraverso le scarpe? In che modo?
Karolina: La risposta per le donne è scontata – basta un tacco è diventiamo più che sensuale, ma penso che anche gli uomini possono esserlo grazie ad un giusto paio di scarpe.

Con quale criterio scegli le scarpe adatte ai tuoi outfit?
Karolina: Tutto dipende dal mio umore… e anche da Renato, che quando metto ballerine fa la faccia scocciata e io corro per cambiarle con un comodo paio di zeppe.

Ti viene in mente qualche altro settore legato alla creatività (musica, fumetti, letteratura, cinema, design...) in cui le scarpe hanno un ruolo importante?
Renato: Viviamo nel mondo di creative commons, i mondi creativi si incontrano, si schierano e si fondono uno con l’altro. Le calzature hanno avuto un posto importante in tutto l’universo creativo influenzandolo e cambiandolo da sempre.

Quale sarà la tua prossima calzature oppure una tendenza futura che prevedi?
Renato: le scarpe “inteligenti” per correre – me lo auguro!

Link dove è possibile seguirti?
Blog: http://www.bexclusivemagazine.blogspot.com/
Facebook: http://www.facebook.com/pages/BExCLUSIVE-Magazine/163433123679434?ref=ts
Twitter: http://twitter.com/#!/bexclusivem
Youtube: http://www.youtube.com/user/BExCLUSIVEMAGAZINE

Un pensiero sulle calzature per concludere l'intervista?
Renato: le calzature non devono essere sottovalutate, bisogna fare molta attenzione a quali scegliere perche raccontano una parte di noi ed influiscono sul nostro umore.
---
Se l'articolo ti è piaciuto, iscriviti ai feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog, oppure diventa fan della nostra pagina facebook e seguici su twitter. Se hai la passione per la fotografia non perderti il nostro gruppo su flickr.

0 commenti :

Posta un commento

Cosa ne pensi? Hai idee migliori?