5 settembre 2011

INTERVISTA | Cécile de L'armadio del delitto: "La marca è solo un'indicazione di ciò che devo aspettarmi della scarpa"

Chi c'è dietro il tuo blog? Chi sei/siete?
Sono Cécile, l'autrice de L'armadio del delitto, francese trasferita in Italia esattamente 10 anni fa, appassionata di vintage (infatti fra qualche giorno aprirò la mia propria boutique di vestiti vintage). Sono sposata con il signore del delitto, viviamo vicino a Torino, ascoltiamo molto Bob Dylan e passo le mie domeniche nei mercatini alla ricerca di vestiti vecchi di 30, 40 o 50 anni. Dopo 10 anni passati in Italia, direi che ho ancora uno stile perfettamente francese (con un tocco retrò ovviamente): credo che non ci possa fare nulla!

Da quanto tempo ti interessi di moda?
Credo di avere cominciato ad interessarmi veramente di moda leggendo dei blog francesi ed americani circa cinque anni fa. Ho trovato appassionante vedere i diversi approcci dello stile nei vari paesi.

Perché nelle donne c'è tutto questo amore per le scarpe?
Non lo so, ci saranno diverse ragioni. Per esempio le scarpe sono degli oggetti belli in sé, anche non indossati, ed attirano facilmente l'occhio. Anche forse perché siamo molto libere nella scelta delle scarpe, più che nella scelta dei vestiti. Ma ci saranno altre ragioni.

Qual è il tuo modello preferito e perché?
Ho una bella collezione di ballerine, ma ultimamente ho una vera e propria passione per le stringate maschili. Ne ho comprate cinque paia in poco più di un anno e le porto con tutto.

Preferisci possedere tante paia di scarpe a un prezzo basso a discapito della qualità variando spesso oppure poche e di qualità pregiata?
Se ho mal di piedi la terra smette di girare, quindi la qualità delle scarpe è prioritaria. Nonostante la mia follia delle stringate, posso dire di comprare poche scarpe di qualità pregiata.

Quali sono le caratteristiche che valuti nella scelta delle scarpe?
Comodità e resistenza, design e per ultimo la marca (la marca per me è solo un'indicazione di ciò che devo aspettarmi della scarpa).

Che rapporto c'è tra scarpa e umore?
Se incontrate una donna antipatica, chiedetevi se semplicemente non ha mal di piedi.
Più seriamente, si dice che avere delle belle scarpe ci rende sicure, che indossare dei tacchi ci fa sentire femminili. Per me semplicemente le scarpe giuste rendono bella qualsiasi mise, e permettono di cambiare stile senza cambiare vestiti: jeans + camicia + tacchi è diverso di jeans è camicia + scarpe sportive.

Hai un colore che compare più frequentemente nella tua scarpiera?
Ho molte paia di scarpe marroni, il che non è una risposta molto eccitante! Ultimamente però ho la tendenza di comprare delle scarpe colorate, e sono arrivate poco fa delle scarpe rosse, blu e bianche.

Qual è il valore aggiunto che percepisci nelle calzature italiane?
La qualità della pelle, il lavoro artigianale (che non è solo una bella idea ma un vero e proprio lusso).

È possibile esprimere la sensualità attraverso le scarpe? In che modo?
La sensualità, come lo stile, c'entrano con il modo di essere di una persona e con il suo fisico. Una scarpa disegnata bene, che mette in valore una bella caviglia può essere bellissima.

Con quale criterio scegli le scarpe adatte ai tuoi outfit?
Nella teoria, secondo ciò che considero il migliore abbinamento, pensando anche se dovrò camminare o meno. Nella pratica, per ogni stagione ho il mio paio preferito e lo metto quasi tutti i giorni. Per esempio ora indosso i miei sandali K. Jacques color pelle che adoro da quattro anni. Le loro qualità? Comodissime con un design semplice ma perfetto nei più minimi dettagli, un modello e un colore che vanno con tutto, resistenti e facili da pulire. Ciò che chiedo al paio di scarpe perfetto.

Ti viene in mente qualche altro settore legato alla creatività (musica, fumetti, letteratura, cinema, design...) in cui le scarpe hanno un ruolo importante?
Questa domanda mi fa pensare ad un contrabbassista jazz che fa collezione di stringate bicolori, e che ho incontrato ad un suo concerto al quale ero appunto andata con le mie stringate bicolori vintage. E' buffo, ma mi sembrava la cosa più normale del mondo che un contrabbassista jazz faccia collezione di scarpe bicolori, va bene con il personaggio!

Quale sarà la tua prossima calzature oppure una tendenza futura che prevedi?
I fringe loafer ovviamente!

Link dove è possibile seguirti?
http://larmadiodeldelitto.blogspot.com/
http://twitter.com/#!/armadiodelitto

Un pensiero per concludere l’intervista?
"Se la mia scarpa è stretta, non mi importa che il mondo sia vasto". (Proverbio turco).

---
Se l'articolo ti è piaciuto, iscriviti ai feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog, oppure diventa fan della nostra pagina facebook e seguici su twitter. Se hai la passione per la fotografia non perderti il nostro gruppo su flickr.

0 commenti :

Posta un commento

Cosa ne pensi? Hai idee migliori?