5 settembre 2011

INTERVISTA | Federica Fasoli: "Le scarpe hanno un ruolo preponderante in ogni settore"

Chi c'è dietro il tuo blog? Chi sei/siete?
Sono Federica Fasoli, classe 1990, nata a Chieti, una piccola e provinciale cittadina del centro Italia dove attualmente vivo dividendomi tra essa e la limitrofa, e più movimentata, Pescara. Sono maturata in ambito classicista e mi trovo al terzo anno di Lettere Moderne aspirando ad un futuro di giornalista, possibilmente di moda. Una vita da studentessa universitaria sì ma con uno spirito completamente indipendente che mi ha portata a voler abitare da sola e a confrontarmi ugualmente con il mondo del lavoro: da quattro anni circa lavoro come fotomodella, hostess negli eventi e nelle maggiori discoteche della mia zona. Sono una vera mina vagante, uno spirito libero con mille interessi, dal carattere poliedrico e l' assoluta incapacità di riuscire a stare ferma, motivo per il quale a giugno 2010 ho deciso di aprire il mio blog di moda, Rejecting the Obviousness che attualmente è solo uno dei tanti impegni che affollano le mie giornate.

Da quanto tempo ti interessi di moda?
Ho sempre avuto una particolare attenzione per questo campo: se da bambina giocavo a Gira la moda, indossavo le scarpe di mamma e sognavo le passerelle da grande ho poi reso questo particolare mondo un punto fondamentale della mia vita. Adoro la moda, mi nutro di moda, sfoglio solo riviste di moda e ho l' ambizione di diventare giornalista di moda.

Perché nelle donne c'è tutto questo amore per le scarpe?
Non saprei. Io personalmente ho un debole folle per esse, in particolar modo per quelle con i tacchi altissimi e i plateau esagerati. Credo che ogni donna abbia il suo "feticcio", il suo cavallo di battaglia per così dire. C'è chi ama le borse, chi i gioielli e chi, come me, le scarpe. Hanno qualcosa di magico, io le trovo quasi delle opere d'arte.

Qual è il tuo modello preferito e perché?
Indubbiamente le decolletees, open toe o meno e i sandali. Tutte rigorosamente altissime.

Preferisci possedere tante paia di scarpe a un prezzo basso a discapito della qualità variando spesso oppure poche e di qualità pregiata?
Diciamo che sono un tipo a cui piace cambiare e avere una vasta scelta, basti pensare che al momento ho circa ottanta paia di scarpe. Cerco di trovare il giusto mezzo evitando le scarpe di qualità proprio scadente ma comunque prediligendo dei marchi più accessibili in modo da poterne acquistare di più. Inoltre sono del fatto che non sempre un costo elevato corrisponda ad una qualità pregiata e viceversa, si possono acquistare delle ottime calzature anche spendendo meno di 100 euro per paio.

Quali sono le caratteristiche che valuti nella scelta delle scarpe?
Sicuramente i materiali, faccio sempre attenzione che siano morbidi e che soprattutto non facciano l'effetto "cartone". Se si tratta di scarpe da sera valuto sicuramente anche l'altezza del tacco che non deve mai essere al di sotto dei 12 cm, al contrario se si tratta di scarpe da giorno cerco di prediligere la comodità e la versatilità.

Che rapporto c'è tra scarpa e umore?
Trovo che un paio di scarpe con il tacco siano un ottimo antidepressivo, abbinate al giusto outfit slanciano la nostra figura e riescono sicuramente a farci tornare il sorriso.

Hai un colore che compare più frequentemente nella tua scarpiera?
Avendo, come dicevo, circa ottanta paia di scarpe direi di avere tutti i colori nella scarpiera! Amo le cose colorate e le tonalità shocking ma è normale che ci siano delle tonalità che si ripetono ed inevitabilmente queste sono quelle basiche: ho moltissime scarpe nere, grigie, color cammello, beige e oro.

Qual è il valore aggiunto che percepisci nelle calzature italiane?
Credo che abbiano un aspetto più pregiato nei materiali e nelle linee, soprattutto sul lato artigianale e delle calzature realizzate a mano le trovo davvero imbattibili.

È possibile esprimere la sensualità attraverso le scarpe? In che modo?
Naturalmente sì! Ad una bella donna con ai piedi un paio di decolletees tacco 12 (e ovviamente un portamento elegante!) non ha davvero bisogno di nient'altro per sedurre un uomo!

Con quale criterio scegli le scarpe adatte ai tuoi outfit?
In genere a seconda delle occasioni e dei momenti della giornata. Se si tratta di un'uscita con gli amici piuttosto che una mattinata in università o una serata in discoteca è ovvio che la scelta delle mie calzature sarà assai diversa da caso a caso. Inoltre mi baso molto sui colori, è praticamente impossibile (salvo una mia ben precisa volontà a riguardo) che io scelga un paio di scarpe con un colore differente o addirittura discordante rispetto il resto della mia mise.

Ti viene in mente qualche altro settore legato alla creatività (musica, fumetti, letteratura, cinema, design...) in cui le scarpe hanno un ruolo importante?
Così su due piedi non saprei ma penso che in ogni settore le scarpe, essendo delle parti fondamentali del look di ciascun individuo, abbiano la loro importanza ed il loro ruolo preponderante.

Quale sarà la tua prossima calzature oppure una tendenza futura che prevedi?
Sono ancora molto legata all' estate e alle tonalità fluo, probabilmente il mio prossimo acquisto sarà un paio di high heels blu elettrico.

Link dove è possibile seguirti?
BLOG: http://rejectingtheobviousness.blogspot.com
FACEBOOK: http://www.facebook.com/?ref=home#!/pages/Rejecting-the-Obviousness/131777060185874?ref=ts
BLOGLOVIN: http://www.bloglovin.com/en/blog/1858362/rejecting-the-obviousness
TWITTER: http://twitter.com/RTOFashionBlog

Un pensiero sulle calzature per concludere l'intervista?
Altro che gli occhi... Sono le scarpe che ognuno indossa il vero specchio dell'anima.

---
Se l'articolo ti è piaciuto, iscriviti ai feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog, oppure diventa fan della nostra pagina facebook e seguici su twitter. Se hai la passione per la fotografia non perderti il nostro gruppo su flickr.

0 commenti :

Posta un commento

Cosa ne pensi? Hai idee migliori?