5 settembre 2011

INTERVISTA | Sara Rizzi: "Le scarpe sono in strettissima connessione con l'umore: lo cambiano"

Chi c'è dietro il tuo blog? Chi sei?
Qual è, innanzitutto, il compito di una blogger? Raccontarsi! E io ho sempre amato raccontarmi!
Mi presento, mi chiamo Sara Rizzi e vivo e studio a Genova.
Ho appena finito il liceo classico, per ciò mi trovo in quella fase in cui bisognerebbe sapere cosa si vuole fare "da grandi", ma in realtà non lo si sa.
Dopo 5 anni passati tra latino, greco e letteratura (e lavorando come portapizze) ho in mente di cambiare strada: spero, all'università, di fare design (e magari di trovare un lavoro come cameriera, visto che margherite, marinare e quattro stagioni mi hanno davvero stufato).
Ho sempre amato scrivere, è la mia più grande passione. Visto che mi ritengo una persona creativa (e scusate l'assenza di falsa modestia), anzichè tenere relegata la mia creatività nella cartella "writing" del mio computer, ho deciso di aprire un blog: per unire la passione per la scrittura a quelle per la moda, per la fotografia e per la grafica, per mettermi alla prova, per conoscere persone con le mie stesse passioni..insomma, "MODA spiccioli", il mio blog, nasce dalla passione.
Ora "MODA spiccioli" è diventato "Extravaganza" (anche se non ho ancora avuto il coraggio di cambiare l'URL del sito), e si prepara ad affrontare argomenti più vari, anche se la moda rimane comunque l'argomento principale.
In generale mi ritengo una ragazza semplice.
Ahaha! Una ragazza semplice? Potremmo chiamarlo ossimoro!
No, scherzi a parte, come quello di tutte le ragazze, il mio carattere ha molte sfaccettature.
Ho tanti pregi, ma anche tanti difetti. E non difetti del tipo "Sono troppo buona" oppure "Sono troppo sincera con le persone". No. Difetti veri.
Sono permalosa, ipersensibile, Irascibile, a volte lunatica, Insicura, distratta, antisportiva... Però sono anche Sincera, onesta, fantasiosa, dolce, generosa...
Il mio carattere così variegato si riflette anche nel mio modo di vestire: oggi mi piace uno stile, la settimana prossima un altro, poi di nuovo quello di prima, poi un altro ancora. Un giorno vestitini, il giorno dopo shorts e top... Bè, ma credo sia normale, giusto?

Da quanto tempo ti interessi di moda?
Il mio interesse per la moda c'è sempre un pò stato..solo che non l'ho mai approfondito.
Lasciavo che le mode passeggere mi trascinassero, mettevo vestiti che non mi piacevano solo perchè prima mi piacevano, non spendevo quasi mai soldi per il mio look perchè preferivo spenderli per qualcos altro..insomma, un disastro!
Poi, da quando ho aperto il blog, il mio armadio è cambiato, i miei vestiti si sono trasformati, ogni capo è diventato unico..ho imparato che quando qualcosa non mi piace non lo devo mettere: quando mi piacerà di nuovo lo rimetterò, e mi sono creata un mio stile che conosco e posso cambiare a mio piacimento. Insomma, si può dire che il mio interesse per la moda è nato all'inizio di questo Aprile: quando è nato il mio blog.

Perché nelle donne c'è tutto questo amore per le scarpe?
Perchè le donne amano le scarpe? eh, bella domanda.
Sarebbe come chiedersi perchè i gatti rincorrono i topi. Secondo me le donne amano le scarpe per due motivi.
Il primo: perchè le scarpe trasformano le donne. Le fanno diventare ciò che vogliono: una brava ragazza, una bomba sexy, una persona severa, una ballerina, un'artista..basta sapere scegliere le scarpe giuste!
Il secondo: perchè le scarpe sono quello che fa la differenza.
Prendiamo dei jeans logori e un semplice top nero. Mettiamoli con delle ciabatte, e sembreremmo in pigiama. Mettiamoli con degli stivaletti bassi tacco 12, e subito il nostro stile sarà ricercato e voluto. Le scarpe sono ciò che conta in un outfit.

Qual è il tuo modello preferito e perché?
Il mio modello preferito sono i sandali. Li adoro! Mi piace l'effetto che danno al piede: lo vedi in mezzo a tutti quei lacci, così ben decorato, racchiuso, vestito..però te lo puoi anche immaginare nudo, al naturale.. Mi piacciono soprattutto quelli che si allacciano sulla caviglia, senza troppi intrecci sul piede, e magari ad infradito. Ultimamente però mi sono appassionata anche a quelli con i lacci incrociati, che vestono in modo favoloso il piede.

Preferisci possedere tante paia di scarpe a un prezzo basso a discapito della qualità variando spesso oppure poche e di qualità pregiata?
Non posso dire di preferire nè tante scarpe per poter variare, a discapito della qualita, o solo poche elette ma assolutamente pregiate. Dipende.
Mi piace comprare sandaletti o ballerine in giro e pagarle poco, e poterle prendere di tutti i colori, ma mi piace anche, quando trovo qualcosa di davvero unico, di buona qualità e che mi colpisce, prenderlo senza pensare alla varietà. Per esempio avevo tantissime ballerine, pagate poco, tutte diverse, poi però ho speso un sacco per un paio di sandali che, davvero, mi erano arrivati al cuore.

Quali sono le caratteristiche che valuti nella scelta delle scarpe?
Parlando di vestiti e accessori, sono una ragazza difficile. Potrei non comprarmi delle scarpe solo per una cucitura che non mi piace o per un brillantino fuori posto. In generale, quando scelgo delle scarpe, pretendo che mi calzino perfettamente: nè strette nè larghe. Poi devo accettarle in tutto: non ci deve essere niente che non mi piace.
Soprattutto sulle scarpe chiuse sono molto, molto esigente.
Parlamo di ballerine: se il fiocchetto è brutto, o fatto male, non le guardo neanche. La stessa cosa se sono troppo decorate. Per me nelle ballerine ci vuole Semplicità.
La ballerine che ho sono tutte essenziali, senza fiocchi, fiori o quant altro. L'unica cosa che posso concedere e che, anzi, mi piace, sarebbe un bel fiocco grosso e paffuto.
Per i tacchi è ancora peggio: io sono una di quelle "o tacco 12 o rasoterra". Nei tacchi non sopporto proprio le mezze misure. Piuttosto che mettermi 5 centimetri di tacco me ne metto 15, oppure zero. Ultimamente sono decisamente fissata con il plateaux..lo trovo adorabile!
Le zeppe sono ancora un'incognita..ne ho solo un paio, stupende ma altissime. Però credo che nelle zeppe potrei accettare anche una mezza misura..devo ancora provare!
Ovviamente, soprattutto quando scelgo dei tacchi, mi assicuro innanzitutto che le scarpe siano comode: che senso ha avere delle calzature magnifiche e non poterle mostrare a tutti camminando, ballando, eccetera?
I sandali devono, invece, essere aperti. Non sopporto quelli con troppo tessuto, magari chiusi sulla caviglia o che fasciano eccessivamente il piede.
Le sneakers devono essere basse e semplici: no alla "Zeppetta" e ai fronzoli.

Che rapporto c'è tra scarpa e umore?
Le scarpe sono in strettissima connessione con l'umore: lo cambiano. Lo migliorano se ci troviamo a nostro agio con loro, lo peggiorano se sono scomode o se, peggio, non ci fanno sentire noi stesse.
Sono sicura che, se una ragazza fosse triste, mettersi un bel paio di stivaletti nuovi, marroni, magari di pelle (o qualsiasi altra scarpa le vada al momento) la tirerebbe su di morale.
Quando sono triste, a volte, guardo le mie stringate rosa cipria, e sono così felice di averle che mi compare un'ombra di sorriso.

Hai un colore che compare più frequentemente nella tua scarpiera?
Senza dubbio il colore che compare più frequentemente nella mia scarpiera è...
accidenti non lo so!
In generale uso colori piuttosto neutri... Sandali marroni, ballerine nere, stivali grigi..anche se ci sono anche alcuni pezzi che donano un pò di colore alla scarpiera: superga bluette glitterate, sandaletti a fiori, oxford shoes rosa ecc...

Qual è il valore aggiunto che percepisci nelle calzature italiane?
Nelle scarpe italiane, purtroppo, avverto un grandissimo valore aggiunto. Lo so perchè, per un periodo, mio padre ha venduto scarpe (professionali da tango, che quindi devono essere perfette tecnicamente e comodissime) che disegnava e faceva fabbricare mio cugino, e mi ha fatto capire quali sono i reali valori per una scarpa fabbricata al meglio, con i materiali migliori e più adatti, con una grandissima capacità tecnica e con l'intento di giovare al piede, non di danneggiarlo. Bè, di certo questa cifra può essere alta, ma non di certo arrivare a mille euro o giù di lì. Purtroppo il marchio costa.

È possibile esprimere la sensualità attraverso le scarpe? In che modo?
La sensualità si esprime spessissimo attraverso le scarpe. Come le portiamo, il colore, la forma, il tacco.. I tacchi senza dubbio richiamano un'idea di sensualità passionale, mentre a mio parere il rasoterra evoca un'immagine di sensualità più spensierata, allegra, semplice e solare. Lo stivale, a seconda dell'altezza, ci rende più o meno sexy-aggressive, il sandalo, come ho già detto, mette in mostra il piede nudo ma senza scoprirlo completamente,quindi da l'idea di qualcosa da cui si è lontani solo pochi passi, ma che non si riesce a raggiungere, le ballerine danno un nonsochè di bon ton... Se le donne sapessero usare le scarpe, avrebbero la sensualità che preferiscono, quando vogliono.

Con quale criterio scegli le scarpe adatte ai tuoi outfit?
Non sono io a scegliere le scarpe: è il mio outfit che le sceglie.
O perlomeno mi guida parecchio nella scelta. Ci sono quelle volte in cui, vedendo ciò che indossi, ti salta subito in mente quali scarpe dovresti abbinarci per apparire ciò che vuoi.
Certe volte creo l'outfit a partire dalle scarpe.
Quando invece l'ispirazione non arriva spontaneamente, cerco innanzitutto di abbinare le forme: mai metterei delle zeppe con degli shorts o delle sneakers con un abitino. Oppure se ho un vestito davvero corto o comunque provocante, cerco di abbinarci scarpe che rendano il tutto più soft (certo dipende dall'occasione).
Poi, ovviamente, cerco di abbinare i colori: per me il marrone e il verde non vanno mai insieme, e la stessa cosa vale per rosso e marrone, grigio e giallo, ecc..
Ma soprattutto devo trovarmi a mio agio con quello che indosso. Anche se le mie ultime sneakers stanno stupendamente con quei bellissimi jeans, potrei non sentirmi me, non essere ciò che voglio, e allora non se ne fa niente.

Ti viene in mente qualche altro settore legato alla creatività (musica, fumetti, letteratura, cinema, design...) in cui le scarpe hanno un ruolo importante?
Nell'arte e nella creatività i dettagli sono importantissimi. Prendiamo il cinema. Un 'inquadratura su un determinato paio di scarpe può contribuire a creare l'atmosfera, una persona che porta un certo tipo di calzature può darci un' idea di sè ben definita.
Nel design le scarpe sono estremamente importanti: le scarpe sono design!
la forma del tacco, il colore, i materiali, la punta, i lacci... Sono tutti elementi che devono essere scelti da qualcuno che ha un'idea precisa di cosa sta facendo e di quello che vuole creare, proprio come un mobile o un'auto.
Anche nella letteratura le scarpe giocano il proprio ruolo, come nel cinema: creano l'atmosfera, descrivono una persona o un'emozione..e la stessa cosa vale per le parole di una canzone.
insomma, nell'arte le scarpe sono davvero molto importanti.

Quale sarà la tua prossima calzature oppure una tendenza futura che prevedi?
Penso che, per il prossimo autunno/inverno, mi butterò sugli stivaletti alla caviglia. Bassi oppure con il tacco alto, scuri o chiari, scamosciati o di cuoio. Assolutamente no alle zeppe e ai brillantini. Sì invece alle frange, alle fibbie vistose e al peluche.
Un'altro tipo di calzatura che mi piace molto sono gli stivali da pioggia. Quelli classici, semplici, che i nostri genitori ci facevano sempre indossare da bambini. Mi piacciono colorati, divertenti, allegri, originali..sicuramente me ne comprerò qualche paio!

Link dove è possibile seguirti?
Se volete seguirmi l'indirizzo del mio blog è http://modaspiccioli.blogspot.com anche se è possibile (ma non è detto) che tra poco l'indirizzo cambierà... Ma in caso vi aggiornerò!

Un pensiero sulle calzature per concludere l'intervista?
Non è importante avere delle scarpe firmate e pagate un sacco di soldi: quelle sono per chi non ha stile e ha bisogno di coprire questa mancanza con lo sfoggio di ricchezza, "andando sul sicuro".
L'importante è avere delle scarpe belle, ma belle per noi, non perchè lo dice la moda. Delle scarpe che per noi siano uniche, che per noi siano delle opere d'arte, che rispecchino noi stessi e come vogliamo essere e che ci facciano sentire a nostro agio con noi e col mondo.
Che siano sneakers, zoccoli, infradito o stivali, l'importante è che le nostre scarpe ci facciano sentire importanti.

---
Se l'articolo ti è piaciuto, iscriviti ai feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog, oppure diventa fan della nostra pagina facebook e seguici su twitter. Se hai la passione per la fotografia non perderti il nostro gruppo su flickr.

0 commenti :

Posta un commento

Cosa ne pensi? Hai idee migliori?