5 settembre 2011

INTERVISTA | Silvia per Addicted to Shopping: "Il made in Italy è una sicurezza in materia di qualità"

Ph. Francesco Castaldo
Chi c'è dietro il tuo blog? Chi sei/siete?
Mi chiamo Silvia, ho 30 anni e vivo a Milano. Di professione faccio la grafica, ma da sempre la mia vera passione è lo shopping. Da gennaio di quest’anno, nel tempo libero, seguo il mio blog.

Da quanto tempo ti interessi di moda?
Da sempre: già quando avevo 7 anni mi divertivo ad indossare le scarpe con il tacco di mia madre… mi sa che era destino.

Perché nelle donne c'è tutto questo amore per le scarpe?
Forse perché ti permettono di essere una persona diversa ogni giorno in base all’umore del momento: si può scegliere di essere sexy con un tacco, aggressiva con una zeppa, semplice con una ballerina, sportiva con una sneakers… A partire dalle scarpe si possono esprimere infiniti modi di essere.
Ph. Francesco Castaldo

Qual è il tuo modello preferito e perché?
Amo le scarpe comode e basse e le ballerine sono sicuramente le mie preferite: si adattano a qualsiasi outfit e permettono di muoversi comodamente ed in totale libertà.

Preferisci possedere tante paia di scarpe a un prezzo basso a discapito della qualità variando spesso oppure poche e di qualità pregiata?
Non ho una preferenza in questo senso. Se trovo un paio di scarpe che mi colpiscono, non mi interessa di che marca siano, le devo avere!

Quali sono le caratteristiche che valuti nella scelta delle scarpe?
L’originalità è la qualità principale, ciò che una scarpa deve avere per farmi innamorare a prima vista. Comodità e vestibilità, poi, sono le altre sono componenti fondamentali per decidere l’acquisto.
Ph. Francesco Castaldo

Che rapporto c'è tra scarpa e umore?
Sono un tutt'uno: in base al proprio umore, si decide come vestirsi… E da questo si possono capire molte cose su una donna...

Hai un colore che compare più frequentemente nella tua scarpiera?
Non particolarmente anche se il nero è sicuramente un colore dominante.

Qual è il valore aggiunto che percepisci nelle calzature italiane?
La pelle, la comodità, le rifiniture… Il made in Italy è sicuramente una sicurezza in materia di qualità.
Ph. Francesco Castaldo

È possibile esprimere la sensualità attraverso le scarpe? In che modo?
Senza dubbio le scarpe possono aiutare a sentirsi meglio, più in armonia con il proprio corpo. Tuttavia sono dell’idea che parta tutto dalla persona che le indossa: anche un semplice paio di infradito possono risultare estremamente sexy se indossate da una persona femminile.

Con quale criterio scegli le scarpe adatte ai tuoi outfit?
Spesso le scelgo in base alla borsa che voglio usare... la borsa è in assoluto l’acessorio che preferisco.

Ti viene in mente qualche altro settore legato alla creatività (musica, fumetti, letteratura, cinema, design...) in cui le scarpe hanno un ruolo importante?
Nella musica mi viene in mente la bravissima Amy Whinehouse il suo stile e le sue altissime scarpe da pin up, l’hanno sicuramente aiutata nel diventare un personaggio. Ma in realtà in tutti i campi le scarpe hanno un ruolo importante: dai libri, al cinema (vogliamo parlare di Sex and the City?)… Addirittura ad una fiera ho visto delle poltrone di design fatte a forma di decolletè…

Quale sarà la tua prossima calzature oppure una tendenza futura che prevedi?
Ultimamente sono particolarmente addicted delle zeppe. Mi piacerebbe comprarmi un paio di zeppe colorate e particolari per la prossima stagione invernale.
Ph. Francesco Castaldo

Link dove è possibile seguirti?
Il mio blog addictedtoshopping.it
Mi potete seguire anche sul blog di Benetton Italia blog.benetton.com/italy

Un pensiero sulle calzature per concludere l'intervista?
Mi hai fatto venire voglia di andare a comprarmene un paio. Chi viene con me a fare shopping?
---
Se l'articolo ti è piaciuto, iscriviti ai feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog, oppure diventa fan della nostra pagina facebook e seguici su twitter. Se hai la passione per la fotografia non perderti il nostro gruppo su flickr.

0 commenti :

Posta un commento

Cosa ne pensi? Hai idee migliori?