28 maggio 2013

FOOD DESIGN | Alzatine, my best friends

Victoria 3 Tier Cake Stand by Arany-ló Papír
Alzi un’alzatina, ehm, un dito, chi non è irrimediabilmente affetto dal fenomeno che da più di due anni spopola nelle nostre case e sul web, complici la moda dei cupcakes, dei foodbloggers e i siti e le riviste di home decor, che ci dicono come arredare-apparecchiare-allestire-rinnovare i nostri mini appartamenti, per chi ce l’ha! Ma poi è anche bello lasciarsi trasportare dalla propria creatività e dai propri gusti.
Victoria 3 Tier Cake Stand by Arany-ló Papír
Alzatina: sostegno regale per muffins, frutta, torte dolci e salate, spesso utilizzata anche come portacarte, bollette e chiavi, perché quando una cosa ci piace, la adattiamo a tutte le nostre esigenze.
Di alzatine ce n’è per tutti i gusti, per tutte le altezze e per tutte le tasche.
Easter Egg Cake Stands by Arany-ló Papír
I più fortunati hanno dovuto chiederle in prestito a nonne e zie, per tutti gli altri ci hanno pensato mercatini dell’usato, dell’antiquariato e i nostri amici designers: quelli che tu inizi ad immaginare una cosa e loro l’hanno già pensata, disegnata e messa in produzione!
Noi, alzatina addicted, abbiamo fatto una selezione dei prodotti disponibili sul mercato e ve la proponiamo qui.

Hungarian Flowers Card Lace 3 Tier Cake Stand by Arany-ló Papír
Partiamo da un’alzatina basic, per concept e materiale. Quelle di Arany-ló Papír sono in cartone rigido, impermeabile e colorato, essenziali in fatto di decorazioni.
Sono adatte ad una festa senza troppe pretese, ma anche ad una cena in cui non vogliamo rinunciare ai piccoli dettagli curati e soprattutto in cui non ci va di faticare troppo quando la baraonda di amici chiacchieroni se ne sarà andata. Sono pratiche, belle e usa e getta! Unica nota: ve le dovete montare, ma l’assemblaggio richiede una minima fatica.
Pastel Cake Stand by Arany-ló Papír
Poi c’è la squadra delle alzatine in vetro! Qui la scelta è pressoché infinita: vetro stampato, liscio, serigrafato, con coperchio, senza coperchio, bassa, media, alta, con manico a pomello, con paletta inclusa o meno. Potete spaziare dal sito dell’Ikea a quello di Zara Home, passando per quello di Bitossi Home che a noi piace tanto. E’ comunque altamente consigliato, per questa categoria, un tour tra i mercatini di oggetti second hand e vintage. Potreste davvero fare delle belle scoperte e trovare l’alzatina che fa per voi. Prezzi tra i più vari, così come per le soluzioni e i dettagli.
Alzatine in vetro by Bitossi Home
Più o meno lo stesso discorso vale per quelle in ceramica, a meno del colore e dei motivi, spesso legati alla tradizione locale. Non mancano però quelle più contemporanee, mono e bicolore con piccoli decori minimal.
Più formali, ma divertenti, quelle un po’ barocche di Mario Luca Giusti, dai colori vivaci e a volte fluo.
Sono realizzate talmente bene da sembrare in vetro: a volte solo impugnandole si capisce che sono ben più leggere e in plexiglass.
Alzatine in plexiglass color blu reale e viola by Mario Luca Giusti

Infine quelle d’autore, per tasche un po’ più capienti. Belle quelle proposte da Antonella Di Luca e Ubaldo Righi di MR.LESS & MRS.MORE by Curti Metallo.
Gemma by MR.LESS & MRS.MORE


Diecifette by MR.LESS & MRS.MORE
Nella collezione Cake Stands, Antonella e Ubaldo ripensano il concetto dell’alzatina, rispettandone la funzione, e utilizzano la lamiera, materiale destinato comunemente ad altri oggetti d’arredo dal sapore industriale e colorato con tinte insolite e vivaci, per non passare inosservati. 

Petit by MR.LESS & MRS.MORE
Come fa o dovrebbe fare il buon design, ogni alzata suggerisce una funzione, facilita un’azione, invita ad un’idea.
Soffio by MR.LESS & MRS.MORE
E voi, di che alzatina siete?
Martina Giustra
---
Se l'articolo ti è piaciuto, iscriviti ai feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog, oppure diventa fan della nostra pagina facebook e seguici su twitter. Se hai la passione per la fotografia non perderti il nostro gruppo su flickr e seguici su instagram.

0 commenti :

Posta un commento

Cosa ne pensi? Hai idee migliori?