6 luglio 2013

FASHION | La scommessa di Carmina Campus - Pre-loved on tour

Lusso ed ecosostenibilità coincidono? A volte sì. Lo dimostra il progetto Carmina Campus, che unisce lavorazioni artigianali made in Italy a materiali di riuso e riciclo.


L’idea di moda etica e sostenibile, a basso impatto ambientale, con la grande tradizionale artigianale italiana e i suoi saperi antichi sono la linfa di Carmina Campus che con la sua intrigante iniziativa dà vita ad una collezione di borse, accessori e forniture con un alto valore umano aggiunto.

Si chiama Ilaria Venturini Fendi la fautrice di tutto ciò. Dopo aver abbandonato l’azienda di famiglia, decide di abbandonare tutto per dedicarsi al suo podere alle porte di Roma. E di questo ne avevamo già parlato in passato.

E’ lì che, a contatto con la natura, raccoglie la sfida di creare con rifiuti, fondi di magazzino e pezzi vintage oggetti glamour dal grande appeal. Interruttori elettrici diventano così scintillanti Switch bag; cartelle colori si trasformano in morbide Soft Bag; ritagli di pelle e tappi di bottiglia lavorati a intarsio si tramutano in preziose Pyramid bag. Ready made che raccontano una nuova storia, oggetti che, decontestualizzati e rielaborati, acquistano un nuovo senso e un nuovo significato.

Il Know- how di Ilaria come designer di accessori di alta gamma è un valore aggiunto della produzione Carmina Campus, per lo più costituita da pezzi unici numerati, per i quali vengono utilizzate materie prome di riuso che conferiscono al prodotto una forte originalità.

La sfida di questa giovane donna è arrivata anche oltralpe: Not Charity, Just Work, una scommessa che vede come obiettivo quello di creare opportunità di lavoro e sviluppo nei Paesi africani.

Tutto ciò è possibile grazie al supporto dell’International Trade Center, un’agenzia congiunta delle Nazioni Unite e dell’Organizzazione Mondiale del Commercio. Con il loro impegno è stato possibile realizzare una linea di borse e accessori interamente prodotta in Africa con materiali locali, garantendo condizioni di fair labour e cercando di formare una nuova classe di microimprenditori autonomi. Un esempio di come l’ecologia, la sostenibilità o semplicemente il made in Africa possano diventare di moda.

L'appuntamento.
Lunedì 8 Luglio il progetto di Ilaria Venturini Fendi è rimasto a Roma per Altaroma 2013, dove viene ospita da “Re(f)use” (la boutique del riciclo di Carmina Campus nella capitale) la seconda tappa del progetto charity PRE-LOVED ON TOUR, vendita speciale di abiti e accessori vintage dei più noti brand a favore di Oxfam Italia.

Pre-loved on tour è un progetto charity scaturito dalla collaborazione tra Private Griffe, Marie Claire Italia e Oxfam Italia, accreditata organizzazione non governativa internazionale che promuove sviluppo ed emancipazione, soprattutto per le donne, nelle aree più povere del pianeta.

Con Pre-loved on Tour si sono organizzati eventi itineranti in cui vengono messi in vendita capi d’abbigliamento e accessori “pre-loved”, ovvero già amati e indossati in occasioni speciali e in gran parte donati da personaggi noti.

Link di riferimento
www.carminacampus.com

Mariangela Grippa   

Se l'articolo ti è piaciuto, iscriviti ai feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del magazine, oppure diventa fan della nostra pagina facebook e seguici su twitter. Se hai la passione per la fotografia non perderti il nostro gruppo su flickr e seguici su instagram.

0 commenti :

Posta un commento

Cosa ne pensi? Hai idee migliori?