14 agosto 2013

SECRET CITY LIFE | Leuca. Capitolo 2: Il magico angolo di poesia del "ponte Ciolo"

Finalmente Milano sembra ormai un lontano ricordo. 
Spero che non mi stiate leggendo dal triste monitor del vostro ufficio alla temperatura ambiente di 1 grado con addosso i maglioni della nonna, segretamente custoditi per far fronte all'aria condizionata sparata a mille.

Vi immagino seduti sotto un'ombrellone, bevendo un mojito, ascoltando i classici tormentoni di un'estate che vorreste non finisse mai. E allora se avete tempo da perdere e voglia di leggermi, oggi vi racconto un posto per me molto speciale, legato indissolubilmente alla mia infanzia: 



Vi prego, non incominciate a giochicchiare barbaramente con il nome che richiama tristemente in gergo dialettale pugliese il membro maschile. Vi assicuro, il ponte ciolo è un luogo magico e questa battutina da infante non se la merita proprio.


Trattasi di un ponte al di sotto del quale si cela una delle più belle insenature vicino Leuca, che io abbia mai visto. L'insenatura è davvero piccola e scogliosa, l'acqua freddissima e limpidissima, e protetta da qualunque tipo di vento. Un incanto.

Per arrivarci vi tocca una lunga quanto impervia camminata su un lunga quanto impervia scalinata. Ma vi assicuro che ne vale la pena.




E' un'insenatura che per me ha qualcosa di magico. Spesso trovo pescatori verso l'alba che mi regalano sarde fresche. La gente che anima questo posto meraviglioso è molto rustica ma molto socievole dopo un primo approccio. Non vi fate intimidire dal loro modo brusco!

Ps: Chiaramente non vi consiglio di andarci in piena alta stagione... potreste trovarvi a dover litigare con un bufalo alto 3 metri e largo 6, armato di borsa frigo e figli pronti a farvi godere quelle poche ore di vita che vi rimangono... insomma... evitate agosto (se potete).

Pps: Vi prego di non seguire le orme dei giovani pazzi che si tuffano dal ponte, la maggior parte di coloro che ci hanno provato sono finiti su una sedia a rotelle per l'impatto con l'acqua. Infondo sono sempre più di 20 metri d'altezza.  (mi sento una madre lagnosa...)

 Margaret Anderson  

Se l'articolo ti è piaciuto, iscriviti ai feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del magazine, oppure diventa fan della nostra pagina facebook e seguici su twitter. Se hai la passione per la fotografia non perderti il nostro gruppo su flickr e seguici su instagram.

1 commento :

  1. Io da buon turista c'ero stato in piena stagione estiva ad agosto, 4 anni fa: le mie foto su flickr al ciolo
    Quasi impossibile non sfruttare qualche scoglio, anche uno di quelli più bassi per fare un tuffo. Di certo non mancano pazzi che si tuffano dalle vette più alte, io non appartengo a questa categoria! :)

    RispondiElimina

Cosa ne pensi? Hai idee migliori?