7 settembre 2013

DESIGN PER BAMBINI | Piccoli mobili pret à porter

C’è chi inizia l’anno a Gennaio e chi, invece, festeggerebbe il primo di Settembre. Saranno reminiscenze di gioventù e del tempo passato sui libri; di sicuro l’anno scolastico scandisce la vita di molti, adulti o bambini che siano.

Il rientro è spesso però anche un pretesto per qualche cambiamento nell’ambiente domestico, magari assecondando la crescita dei bimbi e le conseguenti esigenze che mutano nel tempo.
Restando in tema di back to school, allora, perché non rinnovare la cameretta o l’angolo studio con qualche prodotto ad hoc?

Se amate il vintage, i colori polverosi e in fondo avete un po’ di nostalgia dei banchi di una volta, con il brand francese Les Gambettes c’è da sbizzarrirsi.
Il marchio, nato un paio d’anni fa a Parigi, rifà il look ai classici mobili da interni, come tavoli e sedie, puntando su un’estetica che ricorda più l’atmosfera delle sfilate di moda.
E dalla passerella ruba pattern, colori e abbinamenti, strizzando l’occhio rigorosamente agli Anni Cinquanta, da cui derivano gli angoli smussati e le tipiche forme retrò.

Arredi di design, studiati anche per i bambini, con prodotti in miniatura che ricalcano a pieno quelli in formato XL. Ecco allora le sedie Suzie e little Suzie, per bimbi dai 3 anni in su, disponibili in moltissime finiture e personalizzazioni, che spaziano dal vichy rosso fino al bon ton floreale e ai vari toni pastello.

Tutte perfettamente abbinabili con il banco Bureau d’ecolier Enfant Regine, in compensato di faggio e rifinito anche in questo caso con piano d’appoggio in più colori.
Les Gambettes ha anche un’ampia sezione di mobili per grandi, tra cui tavoli di varie forme sempre retrò e un’interessante mini collezione di set per la tavola, con tovagliette rigide che possono tornare utili, mixate sia per l’apparecchiatura di tutti i giorni, che come piano antimacchia per i bimbi alle prime armi con posate & Co.
Voglia di ritornare bambini.

Link di riferimento
www.lesgambettes.fr
it.smallable.com

Valentina Caiazzo    

Se l'articolo ti è piaciuto, iscriviti ai feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del magazine, oppure diventa fan della nostra pagina facebook e seguici su twitter. Se hai la passione per la fotografia non perderti il nostro gruppo su flickr e seguici su instagram.

0 commenti :

Posta un commento

Cosa ne pensi? Hai idee migliori?