24 ottobre 2013

WHO ARE YOU | Fabio Pastore, la sorella gemella della fantasia

Intervista a Fabio Pastore direttamente dal nostro gruppo su flickr. Buona lettura.

© Fabio Pastore
• Chi sei?
Mi chiamo Fabio Pastore, ho 36 anni. Cilentano di nascita, milanese di adozione, lavoro nel settore assicurativo previdenziale per un’azienda americana, appassionato di calcio e boxe, vino e cibo, storia e sigari, insomma tutte cose che messe insieme ti fanno fare l’alba del giorno dopo in discussioni, letture e divagazioni. Ah dimenticavo sono innamorato della fotografia. I mezzi con cui “esprimo” al mondo questo amore, sono principalmente una Canon Eos 5D Mk II con le mie due ottiche preferita: 24-70 e il 135 mm, per l’analogico una Pentax 645n e una Zenza Bronica.
© Fabio Pastore
• La prima cosa a cui pensi appena sveglio?
Ma è necessario svegliarmi alle 06:30?

• Di cosa hai una scorta?
Batterie, Neopan Across 100 e caffè.

• Una parola o un'espressione che ami? E una che odi?
Qualsiasi parola di buon augurio. Non mi piacciono gli anglicismi quando non sono necessari.
© Fabio Pastore
• Di cosa hai bisogno per essere felice?
Della felicità delle persone a me più care, di un bicchiere di vino e di una pizza con gli amici.

• In questo mondo le persone si dividono in?
Simpatici e antipatici, umili ed arroganti. Onesti e disonesti. In poche parole il mondo è fatto di contrapposti.

• Un politico, una popstar o un artista che ammiri particolarmente per vari motivi?
Visto l’andazzo generale e la qualità media dei politici italiani, voglio ricordare un grande uomo del nostro recente passato: Sandro Pertini. Il genio artistico che più mi ha colpito è stato quello di Freddy Mercury, ma sarei poco sincero se non nominassi un grandissimo attore del nostro presente, Toni Servillo.

• Il luogo più importante di casa tua?
La cucina a pari merito con la stanza da letto.
© Fabio Pastore
• Tre posti dove dove non sei mai stato e che vorresti vedere?
Una riserva naturale in Africa, L’Avana e Tokyo.

• Pensando all'Italia, qual è la prima cosa che ti viene in mente?
Perle ai porci...

• Quale città d'Italia ti attrae per il suo ambiente creativo?
Milano è un po’ dottor Jekyll e mr Hide, affarista, pragmatica e finanche noiosa di giorno, fantasiosa, gaudente e stimolante di notte... un po’ come il sottoscritto, di giorno lavoro in ufficio, ma alla prima occasione scateno la mia creatività con la macchina in mano.
© Fabio Pastore
• Cosa volevi fare a 14 anni?
I soldi e tanti, ma ho capito anche abbastanza presto che i soldi servono solo a soddisfare i desideri materiali.

• Cosa non indosseresti mai?
Un papillon, ma per esperienza fatta, mai dire mai.

• Che cos'è per te la creatività?
E’ la cugina della libertà, è la sorella gemella della fantasia, è uno squarcio di colore sulla monotonia.
© Fabio Pastore
• Da cosa trai ispirazione per i tuoi progetti?
Dalla vita di tutti i giorni, dalle mie letture, dalla varia umanità che incontro ogni giorno.

• Che definizione hai per la fotografia?
E’ il mezzo con cui provo a condividere il mio mondo, le mie visioni, i miei sentimenti positivi o negativi che siano.

• Qual è il posto dove riesci a trovare più idee?
Il tram che mi porta al lavoro (ho sempre un bloc notes con me perché odio gli appunti sullo smartphone), sotto la doccia e sul soffitto della mia camera da letto, viste le molti notti insonni.
© Fabio Pastore
• Che cos'è per te il lusso?
Lusso e bellezza non coincidono (almeno in quest’epoca) e rispondere a questa domanda mi viene difficile. Il vero lusso è forse poter dire di no, il vero lusso è la discrezione, ma forse la frase che meglio coincide (anche per me) con la definizione del lusso è : Il lusso è l'arte degli imbecilli di Henri Duvernois. 

• Un film recente che ti è piaciuto? Perché?
Trovare un bel film ultimamente è difficile. L’ultimo film bello che ho visto è The Artist, in cui mi ha affascinato (guarda caso) la fotografia.

• L'ultimo libro letto?
Sono due, appena iniziati: Vinosofia (una dichiarazione d’amore in 38 bicchieri) e I pesci non chiudono gli occhi, mi sono stati regalati da una donna molto speciale. P.S.: grazie Sara.

• Una colonna sonora delle tue giornate?
Un blues, una canzone degli Ac /Dc, un classico italiano e in palestra qualsiasi musica stimolante.
© Fabio Pastore
• Un sito che tutti dovrebbero visitare?
La mia pagina flickr! Scherzi a a parte, se volete addolcirvi la giornata con magnifiche freddure, Spinoza.it e non resterete delusi.

• Cosa o chi consideri sopravvalutato oggi?
I politici italiani, il 70% degli “esperti” di fotografia che si trovano sul web ed anche l’80% dei personaggi TV.

• Un aneddoto indimenticabile legato alla tua attività?
Mio padre (il mio assistente fotografico preferito quando sono a casa) che mi regge per i piedi per farmi scattare una foto da una scogliera a dirupo.
© Fabio Pastore
• Con chi ti piacerebbe lavorare?
Molti appassionati hanno citato dei mostri sacri della fotografia, ma come si dice: Domine non sum dignus… e poi Berengo Gardin, Weber, McCurry, Testino, Gastel mica vorrebbero lavorare con me? Mi piacerebbe lavorare con un bravissimo reportagista romano Fabio Moscatelli, che mi onora della sua amicizia. Il suo modo di raccontare l’uomo e la storia che ha fatto quell’uomo è semplicemente eccezionale.

• Cosa provi quando rivedi alcuni progetti di due o tre anni fa?
Mi piace molto la mia voglia di osare, ora è (forse) meglio incanalata tecnicamente, ma l’anarchia e la spensieratezza tecnica mi hanno sempre contraddistinto.

• L'ultima cosa che fai prima di dormire?
Chiudo il libro sul quale mi sono addormentato, bevo un sorso d’acqua e penso che la mattina dopo spaccherò il mondo.
© Fabio Pastore
• Progetti per il futuro?
Reportage direttamente da Cuba.

• Link dove è possibile vedere quello che fai o dove seguirti?

• Una frase o un pensiero per concludere l'intervista?
Sognate non rimarrete mai delusi, credete nei vostri sogni e vivrete liberi.


Se l'articolo ti è piaciuto, iscriviti ai feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del magazine, oppure diventa fan della nostra pagina facebook e seguici su twitter. Se hai la passione per la fotografia non perderti il nostro gruppo su flickr e seguici su instagram.

0 commenti :

Posta un commento

Cosa ne pensi? Hai idee migliori?